Abbronzatura 2018.

La parola d’ordine è glow

Tutto è soggetto alle tendenze della moda, anche l’abbronzatura. Ecco, quindi, che all’inizio di questa nuova stagione estiva la domanda più gettonata è: come dovremo abbronzarci nell’estate 2018? Quale sarà l’abbronzatura più ricercata dalle star e di conseguenza anche da tutte noi, fashion victim inside? La parola d’ordine è solo una: glow.

Dimentichiamoci, quindi, l’abbronzatura intensa e marcata, quella che è andata di moda per gran parte degli anni ’90 e per i primi 2000. Ce lo ricordiamo molto bene, se il segno del costume non rappresentava uno stacco netto e definito il lavoro sotto il sole non era stato sufficientemente producente. Ecco che l’olio abbronzante era il miglior alleato di ciascuna di noi e il fattore di protezione superava a malapena il 15. In questo 2018 anche una fedelissima come Vittoria Beckham, che in passato sfoggiava abbronzature aggressive, ha abbassato i toni prediligendo l’effetto radioso.

Allo stesso modo, allontaniamo la moda degli ultimi anni, che vedeva la pelle pallida e candida come grande protagonista. La pelle dell’estate 2018 sarà splendente, dorata e luminosa. Ma come ottenerla?

Innanzitutto, non cercate di accelerare i tempi.
Cercare di sfoggiare subito una bell’abbronzatura è estremamente controproducente. Le primissime esposizioni non dovrebbero mai superare le 4 ore, andando gradualmente ad aumentare l’esposizione solo dopo diversi giorni durante i quali la pelle si è abituata.

Non centellinate sull’SPF.
Passati gli anni adolescenziali di ribellione, non possiamo non riconoscere l’importanza di utilizzare un fattore di protezione alto, a prescindere dal tipo di pelle e dal grado di abbronzatura al quale ambiamo. Il sole di questi ultimi anni è molto più aggressivo, i danni alla pelle sono sempre più frequenti anche in soggetti non a rischio e di tutta risposta solo 1 italiano su 2 (il 50%) si protegge correttamente.

Non abbiamo più scuse. 20 anni fa le protezioni con spf 50 potevano risultare poco confortevoli e da destinare esclusivamente ai più sfortunati che non potevano farne a meno. Ora le formulazioni sono super leggere e confortevoli e l’abbronzatura che ne risulta è più delicata, uniforme, destinata a durare a lungo e soprattutto caratterizzata da quel famoso effetto glow da ricercare.

La protezione non va mai in vacanza.
Non limitatevi a fare le diligenti solo stese sotto l’ombrellone, la protezione solare specie in estate va utilizzata sempre. Se siete delle grandi sportive, amate correre per i parchi cittadini o gustarvi delle sane nuotate al mare o in piscina, la protezione solare non può mancare, scelta appositamente per durare in condizioni più estreme.

Ma non è tutto. Anche in città proteggete il vostro viso e corpo con l’utilizzo di prodotti contenenti un certo spa, anche grazie al vostro make up. Sono sempre più numerosi i brand di solari che hanno implementato le loro linee con prodotti specifici per il make up “sano”, come il fondotinta, la cipria o il lipstick. Con il loro utilizzo avrete un doppio beneficio: pelle protetta ed effetto glow ancor più amplificato.

condividi su