L'importanza dello stretching

Mantenere il corpo giovane e sano

Suona la sveglia, cercate di resisterle, il suono si fa sempre più fastidioso. Vi staccate lentamente ed inevitabilmente dalle braccia di Brad Pitt e aprite gli occhi: buongiorno! A questo piccolo trauma mattutino fa seguito un gesto naturale ed istintivo tra i più piacevoli della giornata: ci stiracchiamo! Il nostro corpo chiede ad alta voce di riattivare i muscoli dopo una lunga inattività come quella notturna e noi glielo concediamo con estremo piacere; ma allora perché nell’attività sportiva lo stretching è così sottovalutato, se non snobbato del tutto?

Fino a qualche anno fa gli esercizi di allungamento erano eseguiti senza cognizione di causa, magari per qualche minuto alla fine di un allentamento, senza capirne davvero lo scopo. Oggi le cose sono cambiate e lo stretching è diventato un’attività fisica autonoma e fondamentale per mantenere il corpo sano e flessibile nel tempo.

Quando nasce lo stretching?
Avete presente quei simpatici VHS motivazionali sbarcati dall’America intorno alla metà degli anni Ottanta, dove atletiche signorine in body colorati e scaldamuscoli incitavano il pubblico a seguire i loro esercizi aerobici a tempo di musica? Ecco, lo stretching è sicuramente arrivato in Europa sulla scia della ginnastica aerobica e della cultura del tempo libero americana. Se vogliamo andare più a fondo, però, scopriremo che lo stretching è di origine orientale ed è strettamente connesso all’approccio olistico del benessere, che considera mente e corpo legati indissolubilmente.

Perché fa bene praticare lo stretching?
Quel leggero e inconsapevole allungamento che facciamo a inizio giornata fa così bene perché serve a dare una spinta all’afflusso di sangue ai muscoli, compreso il nostro amato cervello, e aiuta a favorire il risveglio e la riattivazione muscolare del nostro corpo. Il tempo ha portato a un’applicazione pratica e cosciente dello stretching attraverso discipline specifiche, come le più conosciute Pilates e Yoga. Lo stretching favorisce un miglioramento globale del movimento e una migliore lubrificazione articolare, contrastando così l'invecchiamento della cartilagine. Detto in parole povere? Ci aiuta a mantenere giovani le nostre articolazioni e previene l’insorgere dell’artrosi. Non da ultimo, fare esercizi di allungamento aiuta a diminuire la pressione arteriosa, favorendo la circolazione sanguigna e il rilassamento e riducendo quindi drasticamente lo stress fisico.

Quando fare stretching?
Ed ecco finalmente la parte più interessante: lo stretching può essere praticato sempre, ovunque e da chiunque! Nessun limite di età, peso, condizione fisica. Che lo facciate in palestra come riscaldamento o defaticamento, stesi sul tappeto del soggiorno prima di colazione o la sera dopo cena, fatelo! È un’attività dolce e molto semplice, quindi non ci sono scuse. Come in tutte le cose, ci vuole costanza e impegno per vedere dei risultati soddisfacenti, ma quando il mal di schiena, il dolore alla spalla o alla caviglia che vi trascinate da mesi inizierà ad affievolirsi, allora troverete la motivazione a continuare.. e non mollare più!

condividi su