Ogni riccio un capriccio?

Come trattare e acconciare al meglio i ribelli capelli ricci

Torniamo a parlare di capelli, uno degli elementi più importanti non solo del nostro look e della nostra bellezza, ma anche della nostra personalità. 

I capelli ci caratterizzano e spesso ci rispecchiano, in sintonia con il nostro modo di fare e il nostro carattere. Molto spesso, però, sono anche fonte di stress perché non sempre sono come vorremmo e combattiamo per dar loro l’aspetto che più ci piace.

La scorsa settimana, per esempio, abbiamo parlato di come ottenere, con specifici trattamenti, un capello liscio e definito. Ma non è detto che a tutti i costi dobbiamo stravolgere le caratteristiche dei nostri capelli, è sufficiente trovare il modo corretto per valorizzarle al meglio. 

Il fascino del capello riccio, infatti, del suo volume e della sua vitalità è innegabile. La più grande difficoltà che noi donne incontriamo è quella di riuscire a domarli e definirli, in modo tale da essere acconciate e in ordine per tutte le occasioni.

Se abbiamo un taglio corto la cosa è più facile. Con i giusti trattamenti anti-crespo, è sufficiente un po’ di crema o di gel disciplinante da applicare a capello asciutto per definire le ciocche e il gioco è fatto. Più complicata è la questione per i capelli lunghi. 

Innanzitutto, scegliete i prodotti specifici per i vostri capelli, che eliminino il crespo e li nutrano in profondità. Non spazzolateli se non da bagnati e con pettini dai denti larghi, magari di legno perché antistatico. 

Quando possibile lasciateli asciugare all’aria, senza utilizzare il phon, che risulta particolarmente aggressivo per i capelli ricci, aumentandone la secchezza. Utilizzate, poi, balsami o creme da non risciacquare, poiché il loro effetto sarà più duraturo e efficace.

Infine sbizzarritevi con le acconciature. Il capello liscio, infatti, sarà più disciplinato, ma molto spesso è privo del volume necessario per le diverse acconciature, che rischiano di sembrare piatte e di mettere in risalto in modo negativo un viso magari troppo magro o allungato. Il capello riccio, invece, si presta perfettamente a qualsiasi tipo di pettinatura. 

Da un semplice chignon, ad una coda alta, ai capelli raccolti a lato e lasciati sciolti magari con qualche ciocca sulla fronte. Tutte queste acconciature, lasciate morbide e non per forza ultra disciplinate, si addicono meglio ad un capello riccio e aiutano il nostro aspetto a sembrare più ordinato, piuttosto del capello sciolto e libero.

Impariamo, dunque, a trarre il meglio dalle nostre caratteristiche, valorizzandole con i dovuti strattagemmi, piuttosto che stravolgendole, perché la nostra bellezza sia unica e irripetibile proprio come lo siamo noi. 

condividi su